COLTIVARE LE FRAGOLE SUL BALCONE

Coltivare le fragole sul balcone

La fragola è una pianta generosa: resiste bene al freddo, ed è molto adattabile e resistente. L’unica accortezza è quella di assicurare una concimazione appropriata nel periodo di fruttificazione. Ricordate che qualche vaso di fragole rappresenta un mezzo irresistibile per interessare i bambini al vostro orto

La fragola è un alimento che può essere considerato tra i frutti di bosco, come pure tra gli ortaggi. E’ ricca di vitamina C e può essere coltivata un poco dappertutto, nell’orto ma anche sul balcone o sul davanzale di una finestra. Non pretende posizioni molto assolate e si adatta anche a zone poste a mezz’ombra.

Le fragole maturano già verso la fine di aprile
 

Esistono fragole dette unifere, che fruttificano solo nei mesi di maggio e giugno, e fragole rifiorenti che dopo una fruttificazione abbondante nei mesi suddetti continuano a produrre, più limitatamente, fino ad ottobre. Inoltre esistono fragole dette stolonifere, che si possono moltiplicare grazie agli stoloni che emettono, o fragole non stolonifere.

Alla fine di gennaio le fragole necessitano di una buona ripulita dalle foglie secche, ed una concimazione azotata (usate concimi liquidi come per esempio il sangue di bue) per facilitare la ripresa
 

Oltre alle fragole coltivate, i cui frutti possono raggiungere dimensioni ragguardevoli, esistono le cosiddette “fragoline di bosco”, caratterizzate dalle dimensioni molto più piccole ma dal profumo intenso. Queste ultime non sono stolonifere, e si moltiplicano solitamente con la tecnica della divisione del cespo: in agosto-settembre si scava una pianta dal terreno, si divide il cespo delle radici in due, tre o quattro cespi più piccoli e si ripianta ciascuno in posizione diversa, ottenendo così più piante esattamente identiche alla pianta madre.

Subito dopo le piante assumeranno colorazione ed aspetto più “vivi” e cominceranno ad emettere i primi timidi fiori
 

La moltiplicazione per stolone consiste nel facilitare la radicazione dei lunghissimi getti che le piante emettono, verso la fine del periodo produttivo. Gli stoloni radicano autonomamente nel punto in cui toccano il suolo. Per ottenere piantine da spostare in altre posizioni preparate dei vasetti del diametro di 8-10 cm pieni di terriccio umido, appoggiate qualsiasi parte dello stolone sulla terra del vasetto e bloccatelo a contatto della terra con una molletta da capelli o una forcina ottenuta piegando in due un pezzo di fil di ferro. Potete disporre anche più vasi sotto lo stesso stolone. Quando in corrispondenza del contatto con il suolo sarà spuntato un primo ciuffetto di foglie potete recidere lo stolone ottenendo così una piantina in vaso autonoma.

In marzo saranno già disponibili le prime piccole fragole
 

Le fragole si possono anche moltiplicare per seme. In tal caso la semina va fatta in   primavera. Dopo aver preparato dei piccoli vasi pieni di terriccio moderatamente pressato, lasciate cadere in ciascuno un pizzico di semi e coprite con uno strato sottile di altro terriccio, poi mettete i vasetti in un luogo riparato coprendoli con un panno o un telo nero per mantener el’umidità. Quando le piantine saranno germogliate togliete la copertura; quando avranno raggiunto l’altezza di 5 cm almeno, con 5-.6 foglie almeno, potete trapiantarle in vasi più grandi o direttamente in terra.

In aprile i vostri vasi assumeranno questo aspetto
 

Per coltivare le fragole sul balcone, consiglio di acquistare piantine già pronte da trapiantare. Una pianta di fragola necessita di un vaso anche poco profondo, ma largo circa 15 cm.  Vasi più grandi possono ospitare più piante. Dall’inizio di marzo è opportuno fornire alle piantine una concimazione basata sul concime apposito per fragole, in vendita nei migliori garden center, senza superare assolutamente le dosi consigliate. Ricordiamo sempre che il concime dato in eccesso non viene utilizzato dalla pianta che lo accumula inutilmente, e poi finisce nel nostro stomaco quando mangiamo i frutti.  In mancanza di concime specifico si può usare il comune granulare da orto. Concimate ogni dieci giorni fino alla fine della fruttificazione.

Una fragola prossima alla maturazione
 
Quando le fragole cominciano a diventare rosse attraggono i merli, uccelli curiosissimi che le beccheranno tutte per assaggiarle. Per proteggerle stendete sulle piantine della rete per uccelli,o più semplicemente un sacchetto a rete per patate o per cipolle. Eliminate con attenzione tutte le erbe selvatiche che nascono nei vasi.
Le fragoline di bosco sono più piccole ma molto più profumate
 

Curate l’irrigazione in modo che le foglie non restino mai bagnate, perché la fragola è sensibile alle muffe. Per avere frutti belli e puliti, quando la pianta comincia ad emetterli collocate alla sua base dei pezzi di telo nero: questi avranno la doppia funzione di mantenere umido il terreno al di sotto, asciutte le foglie al di sopra e pulite le fragole che vi si appoggiano. Un altro metodo utilizzabile con i vasi piccoli consiste nel disporre i gambi delle fragole  in modo da farle  ricadere oltre i bordi del vaso.

Proteggete le fragole dagli uccelli con un pezzo di rete sottile
 
Le fragole hanno emesso dei lunghi stoloni che sono scesi fino al terreno ai piedi dei vasi ed hanno emesso nuove piantine
 
Vedi anche:
Propagazione delle fragole stolonifere
 

I libri di Bruno Del Medico (autore di questo blog)
li trovi QUI
con SCONTI E OMAGGI

 
Freschissimo di stampa

500 SEGRETI PER AVERE UN ORTO MERAVIGLIOSO

Ottobre 2012 prima edizione

Formato 17X24

320 pagine

Prezzo euro 20,00

Vedi sconti e omaggi

 

   
 

L’ORTO SUL BALCONE ABC

Ottobre 2012 prima edizione

Formato 17X24

274 pagine

Prezzo euro 16,00

Vedi sconti e omaggi

 


Coltivare l’orto
gruppo aperto

3500 iscritti!!

ISCRIVITI


Coltivare ortaggi in giardino e sul balcone
6200 fans!!!

DIVENTA FAN


Fare l’orto diventa
Hobby dell’anno


DIVENTA FAN


Fare l’orto, che passione!

DIVENTA FAN

BUON ORTO A TUTTI!!!
COLTIVARE LE FRAGOLE SUL BALCONEultima modifica: 2012-11-06T17:35:12+01:00da coltivarelorto
Reposta per primo quest’articolo