Orto in vaso. Consociare i peperoni

Orto in vaso. Consociare i peperoni

Una delle principali preoccupazioni per chi coltiva ortaggi in vaso, è quella di sfruttare al massimo gli spazi. Spesso si dispone di pochi vasi, e la scelta su quali ortaggi coltivare può diventare dolorosa se si considera che molti, ahinoi, dovranno essere esclusi. In nostro soccorso viene una pratica detta “consociazione”, che consente di sfruttare al meglio i nostri (pochi) vasi. Come? Semplice! Coltivando due ortaggi assieme nello stesso vaso.

Il concetto che sta alla base della pratica, è che molti ortaggi hanno tempi ed esigenze colturali diverse: ne potremo coltivare due assieme (nello stesso spazio e nello stesso tempo) se  ciascuno dei due rispetterà la “nicchia ecologica” dell’altro.

Per nicchia ecologica intendo l’esigenza di spazio, di luce, di acqua, di terra.

In genere alcune piante hanno un ciclo biologico brevissimo o breve (per esempio i ravanelli o l’insalata) mentre altre hanno cicli lunghi anche molti mesi.

 

Peperone grosso quadrato consociato con cipolla gialla
 

Una piantina di peperone, per esempio, resta 6-7 mesi nel terreno (diciamo, nel suo vaso) da quando vi viene trapiantata, ancora in forma di esigua plantucola da 5-6 foglie, fino a quando conclude ilsuo ciclo produttivo, essendo diventata orgogliosamente alta fino a 1,50-2 metri.

Diremo che ci sono due fasi. La prima, o fase di crescita, nel corso della quale il peperone sfrutta molto poco l’enorme spazio del vaso in cui è collocato. La seconda fase, invece, lo vede strabordare abbondantemente dai suoi confini.

 

Peperoni friggitelli consociati con lattuga Foglia di quercia.
 

Ma la prima fase dura almeno un paio di mesi: in questo periodo, una grossa parte del vaso rimane praticamente inutilizzata. Allora, perché non sfruttarla per coltivare qualche ortaggio che in  due mesi sia pronto ad essere raccolto, sicché al momento giusto lascerà tutto lo spazio necessartio al peperone?
Le verdure che si prestano a ciò sono diverse, specialmente le lattughe; al limite, quando vedremo che la lattuga tende a sommergere il peperone, la raccoglieremo anche se non ha ancora raggiunto il massimo sviluppo.  

 

 

Così pure si prestano le cipolle, che non maturano in due mesi ma sono parche di spazio con il loro fogliame abbastanza raccolto, per cui potranno continuare a convivere anche quando il peperone diventa grande. Dovremo avere l’accortezza, però, di lasciare il lato con la cipolla più esposto alla direzione del sole, in modo che l’ombra del peperone più rigoglioso non la sovrasti.

 

 

Provando e sperimentando si vedrà che sono possibili molti tipi di consociazione, adatti al nostro orticello. Tuttavia, non consociate mai insalate e pomodori, perché questi hanno una crescita veloce e arrivano rapidamente a coprire d’ombra l’insalata.  Per lo stesso motivo con cavoli, fagioli e zucchine, non consociate niente perché non arriverebbe ad una buona crescita.

 

Qui la lattuga Foglia di quercia è consociata con i cetrioli
 


Coltivare l’orto
gruppo aperto

ISCRIVITI


Coltivare ortaggi in giardino e sul balcone
DIVENTA FAN

Altre  informazioni utili sulla coltivazione dell’orto le puoi trovare sul mio libro: Coltivare l’orto
BUON ORTO A TUTTI!!!
Orto in vaso. Consociare i peperoniultima modifica: 2011-07-06T17:09:00+02:00da coltivarelorto
Reposta per primo quest’articolo